La mia partecipazione con il cuore alla Maratonina Città delle mandorle

Lunedì, 01 Dicembre 2014 09:10
Rate this item
(0 votes)

Gli infortuni sono sempre dietro l’angolo.. Lo sappiamo bene noi runner. Ma se l’infortunio non ti permette di correre con le gambe la maratonina che tanto attendevi allora lo sai che devi fare.. tu, runner, vacci con il cuore. E’ quello che ho fatto io. Il pomeriggio di sabato, vigilia della maratonina di Avola, sono partito alla volta del sud della Sicilia per esserci, per sostenere i miei compagna di squadra per riabbracciare e scambiare qualche parola con i tanti amici che altrimenti avrei rivisto all’apertura del granprix 2015. 

Arrivati ad Avola ci dirigiamo verso la zona indicata per il ritiro dei pacchi gara. Ci attendevano perché avevamo comunicato che saremmo arrivati dopo le 19. La maratonina è nell’aria. Lo sport ben presto si impadronirà di quella piazza. I podisti batteranno centinaia di passi su quella che per un giorno sarà la pista dei runner. 

Ecco il grande giorno tanto atteso è arrivato scrivono sulla pagina Facebook dell’evento. Proprio così.. atteso perché si tratta della prima edizione. 

Arrivati sulla strada principale ecco i primi visi conosciuti, faccio qualche passo ed ecco gli amici che molto affettuosamente mi guardano ed esclamano “ e tu che ci fai così.. corri a cambiarti”. Io rispondo con un sorriso. Oggi sarò li a sostenerli. Passano pochi minuti e lo speaker richiama tutti all’ordine dietro la linea di partenza. Io mi dirigo verso la calca e dall’esterno cerco qualche viso conosciuto per uno scatto prima del via. “VIA” esclama una voce. Un “via” che mi coglie di sorpresa. Corro verso la parte dove posso fotografare i partenti con la meravigliosa chiesa alle loro spalle. Se sei dentro o sei fuori quel "fiume di colori” una cosa è certa: l’emozione ti travolge ed è sempre forte. Svuotata la piazza non resta che attendere i primi passaggi. Arrivano… scatto dopo scatto, grido i loro nomi…Vito, Nino, Franco, Carlo, Carmelo, Francesco. E’ stato un susseguirsi di passaggi ed emozioni..Stanchi, affaticati ma uno di loro ha usato un po del su fiato per chiedermi “Non corri?”.

E’ il momento di andare ad accoglierli al traguardo! Guardo il crono, i miei compagni di squadra dovrebbero arrivare. Eccoli arrivare mano nella mano. Un ultima grande emozione che mi ha fatto pensare: “ecco un altro motivo per dire alla maratonina di Avola io c’ero”. Mi dirigo verso di loro già in coda per ritirare la meritatissima medaglia. Adesso è tempo di commentare la gara per distrarli dalla fatica che li assale.

Arriverderci a tutti voi cari amici Runner. Per adesso vi abbraccio in attesa del Granprix 2015!
 
Mario
ASD PODISTICA 
Read 637 times Last modified on Giovedì, 23 Marzo 2017 09:18
Login to post comments

Questa è la storia.... di uno di noi!

"Io voglio fare questa gara"! sentivi ripetergli lo scorso s...

Read more...

Ale ci racconta le sue emozioni lunghe 42195 MT

Ore 6:00, dopo una notte insonne mi sento toccare il braccio...

Read more...

La storia della Podistica Pattese in un flash di Mario Addamo

"Cosa è la corsa? Un continuo rincorrersi di quegli arti chi...

Read more...

Corriamo con le gambe con la testa e con il cuore

Pollice all' insu' per Alessandro, sorriso festoso per Fabio...

Read more...

Una domenica ricca di emozioni

Chi poteva mai immaginarselo fino a poco tempo fa che la cor...

Read more...

La mia partecipazione con il cuore alla Maratonina Città delle mandorle

Gli infortuni sono sempre dietro l’angolo.. Lo sappiamo bene...

Read more...

Follow Us

           

©2017 Podistica Pattese

A.S.D. Podistica Pattese

Via Agliastri, 11, 98066, Patti (ME). CF P.IVA 03284530833

Web designer: Ing. Mario Addamo tel. 339-8118160